ArchitetturaGiro per il mondo con gli occhi di un architetto

I musei più belli del mondo

Uno dei quotidiani britannici più famosi nel mondo, il Times, ha creato una classifica in cui vengono menzionati i musei più belli del mondo, oltre alle gallerie d’arte più famose e visitate. È stata interpellata una ricca commissione di critici ed esperti d’arte che ha dovuto provvedere a stilare la difficile classifica.

I musei più belli del mondo

I musei più belli del mondo, la classifica completa

La Galleria degli Uffizi a Firenze è stata incoronata, a giudizio unanime, come museo più bello del mondo, tanto per le opere custodite, quanto per lo spazio architettonico che ospita l’intero complesso. Primato che conferma la passione dei maggiori esperti per l’Italia tutta e il Rinascimento in generale (nella classifica stilata per i musei più belli del mondo compare, infatti, anche la Galleria Borghese a Roma).

Corso di Storia dell'Architettura

A sorpresa, però, questo primo posto in classifica non corrisponde al primo posto per biglietti venduti annualmente. Gli Uffizi si piazzano, a sorpresa, fuori dalla top20, con il podio occupato dal terzetto Louvre, Metropolitan Museum of Art e British Museum. Per questo motivo è stato chiesto l’intervento dell’influencer più famosa d’Italia, Chiara Ferragni, incaricata di far aumentare l’appeal del museo fiorentino.

I musei più belli del mondo

Ecco di seguito la classifica completa del Times riguardo i musei più belli del mondo.

  1. Galleria degli Uffizi, Firenze (da non perdere: “La nascita di Venere” di Botticelli)
  2. Museo del Prado, Madrid (da non perdere: “Las Meninas” di Diego Velázquez)
  3. Museo Statale Ermitage, San Pietroburgo (da non perdere i dipinti conservati di Rembrandt)
  4. Museum of Modern Art (MoMA), New York (da non perdere: “La danza” di Matisse)
  5. Kunstmuseum Basel, Basilea (da non perdere le opere di Picasso, Braque e Gris)
  6. Metropolitan Museum of Art, New York (da non perdere gli arazzi medievali con unicorni di Cloisters)
  7. Kunsthistorisches Museum, Vienna (da non perdere: “I cacciatori nella neve di Pieter Bruegel il Vecchio)
  8. Louvre, Parigi (da non perdere: “La Gioconda” di Leonardo)
  9. National Gallery, Londra (da non perdere: “La Venere allo specchio” di Diego Velázquez)
  10. Frick Collection, New York (da non perdere i ritratti di Holbein dei ministri di Enrico VIII, Thomas Moore e Cromwell)
  11. Rijksmuseum, Amsterdam (da non perdere: “L’interno di st. Odulphuskerk ad Assendelft” di Pieter Jansz Saenredam)
  12. Galleria Borghese, Roma (da non perdere: “Apollo e Dafne” di Bernini)
  13. Van Gogh Museum, Amsterdam (da non perdere: “I girasoli” di Van Gogh)
  14. Musée d’Orsay, Parigi (da non perdere: “Moulin de la Galette” di Renoir)
  15. Yale Center for British Art, New Haven, Connecticut (da non perdere: “Leone che assale un cavallo” di George Stubbs)
  16. Tate Modern, Londra (da non perdere: Living Sculpture” di Marisa Merz)
  17. Museo d’arte islamica, Doha (da non perdere il Corano del XV secolo creato per l’imperatore Timur)
  18. Hamburger Bahnhof, Berlino (da non perdere la Friedrich Christian Flick Collection)
  19. Musei Vaticani, Città del Vaticano (da non perdere la Cappella Sistina)
  20. Barnes Foundation, Philadelphia, Pennsylvania (da non perdere: “At Montrouge, Rosa la Rouge” di Henri de Toulouse-Lautrec).

Avete altre idee su quali possono essere i musei più belli del mondo? Suggeriteceli nei commenti!

Corso di Storia dell'Architettura

Stefano Maffei

Ho ottenuto la mia Laurea Magistrale in Scienze Linguistiche, Letterarie e della Traduzione a gennaio 2020 presso L'Università di Roma Sapienza, dove mi ero già laureato a dicembre 2017 in Lingue, Culture, Letterature e Traduzione. Grazie ai miei studi ho potuto migliorare molto la conoscenza dell'inglese (livello C1), del portoghese brasiliano (C1) e dello spagnolo (B1). Le mie capacità di addetto stampa, web writer, content editor e SMM le ho sviluppate seguendo corsi di approfondimento (dedicati al mondo dell'ufficio stampa, della scrittura sul web e dei social media) e grazie all'esperienza a Tennis Fever e GoPillar Academy come Content & Social Media Manager

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button