ArchitetturaGiro per il mondo con gli occhi di un architetto

Il World Trade Center oggi: cosa è cambiato dall’11 Settembre

L’11 settembre del 2001 è cambiato il mondo: tutti si ricordano dove erano e cosa stavano facendo prima che i tg italiani si sintonizzassero con NewYork e con quello che stava accadendo in quei momenti. Andiamo a vedere insieme com’è diventato il World Trade Center oggi.

Il World Trade Center oggi

Il World Trade Center oggi, l’esperienza da fare

Se avete l’opportunità di visitare Ground Zero, fatelo. È un’esperienza che di sicuro resterà indimenticabile e che vi porterete con voi per tutta la vita. Come ha detto uno dei sopravvissuti della torre sud, Brian Clark:

Ecco cosa mi porto con me dalla mia esperienza di sopravvissuto: ogni giorno è un grande giorno. So che è un cliché, ma eccone un altro: la vita è preziosa”.

Il World Trade Center oggi

Come visitare il World Trade Center oggi

Il luogo in cui c’è stato l’attento è completamente mutato, ovviamente. Il nome della zona, però, è rimasto lo stesso: World Trade Center. Il sito di Lower Manhattan contiene, infatti, ancora molti dei più importanti uffici delle aziende più famose di tutto il mondo in grattacieli di nuova generazione.

Prima dell’attentato, il complesso era composto da sette edifici, mentre il World Trade Center oggi si presenta con cinque grattacieli (non ancora del tutto compiuti):

  • One World Trade Center (la Freedom Tower)
  • Two World Trade Center
  • Three World Trade Center
  • Four World Trade Center
  • Seven World Trade Center

A questi si aggiungono, nella zona di Ground Zero (dove si trovavano le Twin Towers), i monumenti in ricordo delle vittime dell’attentato:

  • 9/11 Memorial con il Survivor Tree
  • 9/11 Museum
  • 9/11 Tribute Museum
  • Transportation Hub, uno dei maggiori snodi dei trasporti della città progettato da Calatrava

Una visita è d’obbligo per toccare con mano uno dei luoghi in cui la storia contemporanea è cambiata. Ad aiutarvi nell’esperienza, troverete alcune delle foto originali del disastro.

Corso Fotografia per l'Architettura

Il World Trade Center oggi, i nuovi grattacieli

Il World Trade Center oggi è considerato simbolo di rinascita della città e si è avvalso di numerosi architetti famosi per la progettazione dei suoi grattacieli. Andiamo ad analizzare gli edifici che lo compongono.

One World Trade Center: conosciuto come Freedom Tower, questo grattacielo è il più alto del mondo occidentale, con i suoi 541 metri. Contiene al suo interno un osservatorio, One World Observatory.

Two World Trade Center: con i suoi 387 metri è il secondo edificio più alto del complesso. Il particolare design è ispirato al contesto urbano in cui si trova, ovvero la contrastante vicinanza fra il Financial District, con i suoi classici grattacieli, e TriBeCa, con appartamenti e giardini sul tetto.

Three World Trade Center: alto quasi 329 metri. La sua particolarità è di essere sicurissimo, tanto da eccedere di gran lunga le misure di sicurezza richieste dall’Autorità portuale di New York e del New Jersey.

Four World Trade Center: alto quasi 300 metri. È una torre minimalista, come definita dal suo architetto Fumihiko Maki.

Seven World Trade Center: è alto quasi 226 metri e ha vinto molti premi per la sua pionieristica progettazione in termini di responsabilità ambientale, uso dell’energia e qualità della vita al suo interno.

Vuoi diventare un esperto nella fotografia di architetture? Segui il nostro corso di Fotografia per l’Architettura di 18 ore, oggi al 20% di sconto!

Stefano Maffei

Ho ottenuto la mia Laurea Magistrale in Scienze Linguistiche, Letterarie e della Traduzione a gennaio 2020 presso L'Università di Roma Sapienza, dove mi ero già laureato a dicembre 2017 in Lingue, Culture, Letterature e Traduzione. Grazie ai miei studi ho potuto migliorare molto la conoscenza dell'inglese (livello C1), del portoghese brasiliano (C1) e dello spagnolo (B1). Le mie capacità di addetto stampa, web writer, content editor e SMM le ho sviluppate seguendo corsi di approfondimento (dedicati al mondo dell'ufficio stampa, della scrittura sul web e dei social media) e grazie all'esperienza a Tennis Fever e GoPillar Academy come Content & Social Media Manager

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button