A tutto BIM

Le 1001 qualità del formato IFC nelle procedure BIM

Il formato IFC è una caratteristica della moderna progettazione BIM. Anzi, possiamo affermare che il formato IFC è un vero e proprio aspetto chiave della progettazione BIM — la sua interoperabilità — è messo alla prova quando più designer lavorano con file di formati diversi e devono scambiarsi informazioni in modo rapido e preciso. Dopotutto, cosa dovresti fare se Revit non legge i file .pnl o Archicad non legge i file .prj o Solibri non gestisce bene i file .nwd?

Per affrontare questo tipo di problema, il trasferimento di informazioni viene effettuato con l’aiuto di un’estensione comune, denominata formato IFC (Industry Foundation Classes)

Che cos’è il formato IFC?

Sviluppato da BuildingSMART International, i formati IFC sono una parte fondamentale della pratica OpenBIM. BuildingSMART fornisce un elenco di applicazioni IFC certificate. Lì gli utenti possono verificare se il software utilizzato nei loro progetti supporta un flusso OpenBIM e se il flusso stesso è compatibile con questo processo. A volte possono persino prevedere ostacoli futuri e già prevedere una soluzione.

Storia del formato IFC

La prima versione del formato IFC nacque nel 1996, con IFC 1.0, che arrivò sul mercato per portare un modello neutrale nel settore AEC. Nel corso degli anni ci sono stati diversi aggiornamenti. Nell’ottobre 2000 è stata pubblicata la versione più vecchia ancora in uso, IFC 2x, incentrata sull’aumento della stabilità della piattaforma e delle informazioni. Poco dopo è uscita una versione che ha reso possibili le certificazioni IFC e i seguenti aggiornamenti sono stati l’espansione delle capacità e compatibilità dell’estensione.

La versione più popolare del formato IFC è la 2 × 3, del 2007, che ha presentato numerosi miglioramenti in termini di prestazioni e qualità, oltre a correzioni di bug rispetto alle versioni precedenti

L’ultima versione del formato IFC è IFC 4.0 (inizialmente noto come IFC 2 × 4), nel 2013, e ha portato con sé nuove forme di documentazione, oltre al supporto per nuove piattaforme, strutture e servizi di costruzione. La versione più recente di IFC 4.0 è l’addendum 2, pubblicato a luglio 2016, che ha apportato miglioramenti e correzioni.

Formato IFC

Corso BIM Revit Completo

Quali sono i principali usi dei formati IFC?

Attualmente, gli usi principali del formato IFC sono la compatibilità dei progetti e la pianificazione delle fasi di esecuzione della costruzione. Molti progettisti utilizzano questa soluzione quando lavorano con software diversi. Ad esempio, gli architetti che utilizzano soluzioni come AECOsim o Archicad e gli ingegneri che utilizzano Revit o DDS-Cad possono trarre vantaggio dall’utilizzare il formato IFC.

Difficoltà nell’uso dei formati IFC

L’esportazione di un IFC da un software di modellazione come Revit per importarlo in altri software come Archicad può causare la perdita di informazioni sul modello. Si consiglia di fare molta attenzione quando si eseguono queste operazioni in modo che nessun dato venga perso nel processo. La perdita di informazioni nei flussi di lavoro CAD sembra riaffiorare quando si tratta del formato IFC, il che rende difficile la divulgazione. Se seguiamo la metodologia BIM, diventa chiaro che l’IFC può essere estremamente utile se ne conosciamo i limiti. A tal fine, è necessario eseguire test per garantire che il formato IFC possa essere utilizzato in ciascun caso specifico.

Impara la progettazione in BIM con Autodesk Revit! Segui il corso completo di BIM su Autodesk Revit 2021 di GoPillar Academy, in occasione del lancio offerto al 20% di sconto!

Sei interessato al software che ti abbiamo presentato in questo articolo?

Lasciaci la tua email nello spazio qui sotto per ricevere più informazioni riguardo al nostro video-corso completo sul software, una lezione di prova gratuita e un’offerta sconto dedicata senza impegno!

    Termini e Condizioni*

    Stefano Maffei

    Ho ottenuto la mia Laurea Magistrale in Scienze Linguistiche, Letterarie e della Traduzione a gennaio 2020 presso L'Università di Roma Sapienza, dove mi ero già laureato a dicembre 2017 in Lingue, Culture, Letterature e Traduzione. Grazie ai miei studi ho potuto migliorare molto la conoscenza dell'inglese (livello C1), del portoghese brasiliano (C1) e dello spagnolo (B1). Le mie capacità di addetto stampa, web writer, content editor e SMM le ho sviluppate seguendo corsi di approfondimento (dedicati al mondo dell'ufficio stampa, della scrittura sul web e dei social media) e grazie all'esperienza a Tennis Fever e GoPillar Academy come Content & Social Media Manager

    Articoli Correlati

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button