Attualità - miglioramento personale

Alluvione a Venezia. Le architetture della città lagunare sono a rischio

Alluvione a Venezia. Mentre le notizie delle inondazioni di Venezia viaggiano attraverso i social media, diffondendo in tutto il mondo le immagini delle meraviglie architettoniche e degli interni storici dei palazzi veneziani immersi nell’acqua, cresce la preoccupazione degli amanti dell’arte e del design per quanto riguarda la vita futura della Serenissima.

L’Acqua Granda che ha invaso Venezia pochi giorni fa sarà ricordata come la più grande alluvione scesa sulla città in oltre mezzo secolo, preoccupando i residenti e gli amanti della città lagunare

Uno tra gli interni maggiormente danneggiati dall’alluvione a Venezia è Gritti Palace, l’hotel alla moda sul Canal Grande che risale al XV secolo. Nell’ultimo decennio, il palazzo ha subito un restauro di quasi 60 milioni di dollari e ha visto all’opera il designer Chuck Chewning di Donghia Associates.

Straziante, tragico, ieri inondazioni storiche di 50 anni a Venezia – ha scritto la stesso Chewning condividendo sul web la immagini dell’alluvione subita dal Palazzo Gritti – Questo è il Gritti Hotel che abbiamo restaurato nel 2013

Per colpa dell’alluvione a Venezia, non sono solo le attività commerciali a soffrire. Allo stesso modo, i lavoratori della storica Basilica di San Marco lavorano incessantemente cercando di proteggere la cattedrale da danni irreparabili. Dalla data della sua fondazione, nel IX secolo, l’edificio è stato allagato solo sei volte, la metà negli ultimi 50 anni.

Alluvione Venezia

Alluvione a Venezia. Totò Bergamo Rossi, il direttore del patrimonio veneziano (un’organizzazione presieduta dall’architetto Peter Marino che cerca di preservare i manufatti culturali della città), è stato uno dei tanti residenti che hanno elaborato gli eventi quando AD PRO lo ha sorpreso al telefono

La maggior parte delle chiese a Venezia sono come musei – afferma Totò Bergamo Rossi, il direttore del patrimonio veneziano, un’organizzazione presieduta dall’architetto Peter Marino che cerca di preservare i manufatti culturali della città – sono molto preoccupato per loro e per tutte le decorazioni. Molti palazzi storici sono finiti sott’acqua“.

Alluvione Venezia

Poiché le inondazioni sono causate dalle alte maree, l’acqua che si infiltra nei monumenti della città è acqua salata, che ha un impatto particolarmente disastroso.

Il sale disintegra i materiali, fa erodere il mattone e il marmo, è come un cancro per le architettura della città lagunare.

Rossi sottolinea anche che l’entità dell’alluvione a Venezia – vari rapporti indicano che circa l’85 percento della città è stata allagata – significa che il danno si estende ben oltre i classici punti di riferimento

In tutta la città sono decine le istituzioni culturali e i musei d’arte che hanno scelto di chiudere le porte nella speranza di proteggere le loro preziose collezioni. La Biennale di Venezia, la vetrina di arte e architettura che attira ogni anno folle internazionali, è stata costretta a chiudere le sue mostre così come la collezione Peggy Guggheneim.

Anche se il danno completo deve ancora essere valutato, è chiaro che per ricostruire i manufatti della città saranno necessari molti anni e costosi sforzi di restauro. “Ci sentiamo completamente impotenti quando succede qualcosa del genere“, afferma Rossi, sottolineando la natura ricorrente degli eventi legati alla marea. “È una storia infinita.”

Corso BIM Revit Completo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button