Attualità - miglioramento personale

L’Australia sta bruciando, ma perché gli incendi australiani sono così gravi?

Gli incendi in Australia continuano a generare il panico tra le persone.

Il continente australiano sta bruciando. 30 morti, oltre 1.200 case distrutte, 5,5 milioni di ettari di terra andati in fumo. Per quale motivo gli incendi in Australia fanno così paura?

Incendi in Australia. Solitamente concentriamo il nostro lavoro su argomenti tecnici, ma questa volta non potevamo proprio ignorare la catastrofe che sta vivendo l’Australia. Circa 30 persone hanno perso la vita, oltre 1.200 case sono state distrutte e 5,5 milioni di ettari di terra sono andati in fumo

L’Australia non è estranea agli incendi, ma questa stagione è stata senza precedenti in termini di dimensioni e intensità – e l’estate è tutt’altro che finita.

Incendi in Australia
Incendi Australia

Perché gli incendi in Australia sono così gravi?

Gli incendi sono stati alimentati da una combinazione di caldo estremo, siccità prolungata e forti venti. Il paese australiano è alle prese con un’ondata di caldo eccezionale, a metà dicembre ha vissuto il giorno più caldo della storia con una temperatura media di 41,9 gradi Celsius. Condizioni climatiche ideali per favorire il nascere degli incendi e che mostrano pochi segni di attenuazione nelle prossime settimane.

Incendi in Australia

Il caldo estremo poi è stato accompagnato da venti frizzanti che hanno alimentato le fiamme e che hanno spinto il fumo verso le principali città australiane. Tutto ciò segue la primavera più secca del paese da quando i record sono iniziati 120 anni fa, con gran parte del Nuovo Galles del Sud e del Queensland che hanno subìto carenze di precipitazioni dall’inizio del 2017. Alberi, arbusti e praterie si sono trasformati nella giusta esca per le fiamme.

Gli incendi in Australia sono causati dal cambiamento climatico?

Il clima australiano sta decisamente cambiando. Secondo il Bureau of Meteorology del paese, le temperature sono già aumentate di oltre un grado Celsius dal 1920 – con gran parte dell’aumento che ha luogo dal 1950.

Gli incendi boschivi sono una caratteristica regolare nel calendario australiano – spesso innescati da cause naturali come i fulmini – ma gli esperti affermano che il cambiamento del clima è la chiave per comprendere la ferocia di questi incendi: condizioni più calde e più secche stanno infatti rendendo la stagione degli incendi in Australia più lunga e molto più pericolosa.

Cosa si sta facendo per fermare gli incendi?

Finora la risposta è stata in gran parte reattiva, finalizzata a evacuare i residenti e ad impedire la propagazione delle fiamme. Il paese conta su centinaia di migliaia di vigili del fuoco volontari che hanno lavorato 24 ore su 24 per cercare di tenere sotto controllo gli incendi per mesi. Le forze armate sono state ora schierate anche per combattere gli incendi ed evacuare i residenti. Gli Stati Uniti, il Canada e la Nuova Zelanda hanno anche inviato risorse, inclusi i vigili del fuoco, per contribuire ad arginare le fiamme.

Ma a lungo termine, gli esperti hanno affermato che dovrebbe esserci una revisione degli standard di costruzione nelle zone di incendi boschivi per creare case resilienti e zone cuscinetto più ampie tra il cespuglio e le proprietà.

Incendi in Australia

Per quale motivo il governo è stato aspramente criticato per la sua risposta agli incendi in Australia?

Il governo e il primo ministro conservatore del paese, Scott Morrison, sono stati ampiamente criticati per la loro risposta alla crisi – in particolare l’insistenza sul fatto che gli incendi non sono una novità e che i cambiamenti climatici sono irrilevanti. A livello nazionale, il governo ha abrogato una tassa sul carbonio emanata nel 2014 che aveva contribuito a ridurre le emissioni di gas serra di circa l’1,4 % in due anni, mentre, a livello internazionale, la delegazione di Morrison al recente vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici è stata accusata di ostacolare i negoziati per concordare piani per ridurre le emissioni di carbonio a livello globale.

Le relazioni del governo australiano con il l’industria del carbone

L’Australia è il più grande esportatore mondiale di carbone e di gas naturale liquefatto e (secondo i critici più feroci del Governo australiano) la lobby del carbone eserciterebbe una significativa influenza sulla politica nazionale.

Stefano Maffei

Ho ottenuto la mia Laurea Magistrale in Scienze Linguistiche, Letterarie e della Traduzione a gennaio 2020 presso L'Università di Roma Sapienza, dove mi ero già laureato a dicembre 2017 in Lingue, Culture, Letterature e Traduzione. Grazie ai miei studi ho potuto migliorare molto la conoscenza dell'inglese (livello C1), del portoghese brasiliano (C1) e dello spagnolo (B1). Le mie capacità di addetto stampa, web writer, content editor e SMM le ho sviluppate seguendo corsi di approfondimento (dedicati al mondo dell'ufficio stampa, della scrittura sul web e dei social media) e grazie all'esperienza a Tennis Fever e GoPillar Academy come Content & Social Media Manager

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button